meteocastellana@meteocastellana.it

Il trend non cambia. L’Atlantico è pronto a rifilarci altre due perturbazioni nel corso della settimana

Il prezioso bottino pluviometrico di oggi è di altri 15.2 mm. Si è aperta così quest’altra settimana di estrema variabilità, che pienamente s’inquadra non solo nelle peculiarità meteo-climatiche di marzo, ma anche nelle specificità di questa nuova fase del tempo, inauguratasi nella III decade di febbraio, dopo una stagione autunno-invernale non soltanto assente sul fronte del freddo, ma latitante anche sotto il profilo pluviometrico.

E se sul fattore termico le variazioni rispetto al periodo precedente sono in sostanza insignificanti, considerato che si resta comunque su valori sopramedia, l’inversione che stiamo registrando per quel che riguarda il fattore pluviometrico appare lampante. Tra le piogge cadute a fine febbraio e quelle cadute oggi si supera già la sommatoria delle cumulate pluviometriche registrate addirittura in novembre e dicembre.

La netta inversione di tendenza non accenna, peraltro, a modificarsi anche per questa settimana, sebbene i quantitativi attesi fino al 10 marzo risulteranno minori complessivamente di quelli ottenuti la scorsa settimana.

Se per domani il miglioramento attualmente in atto tenderà a radicarsi ulteriormente, con maggiore spazio per il sole o comunque per ampie schiarite, da mercoledì nuovi apporti di aria umida dall’ormai aperta porta atlantica attiveranno rinnovate condizioni d’instabilità atmosferica con scrosci di pioggia e possibili manifestazioni temporalesche soprattutto nel corso della seconda parte del giorno, con ulteriori strascichi per giovedì.

A seguire, il tempo migliorerà, ma si tratterà ancora una volta di un semplice intervallo, giacché per domenica è atteso un nuovo vortice ciclonico in discesa dall’Atlantico, pronto a rovinare il tempo del giorno festivo.

Ovviamente, questa è solo una linea di tendenza che necessiterà di ulteriori verifiche per essere confermata, soprattutto per ciò che concerne i dettagli relativi alle precipitazioni, ma il trend appare più che delineato.

Sul fronte termico, infine, poche le variazioni di sostanza attese nel corso dei prossimi giorni. Dopo il calo delle temperature odierno, è atteso un certo rialzo dei valori termici per le prossime 48 ore, un ridimensionamento tra giovedì e venerdì ed una nuova ripresa nel corso del weekend.

Il trend non cambia. L’Atlantico è pronto a rifilarci altre due perturbazioni nel corso della settimana Leggi l'articolo »

Weekend umido, ma con prevalenza di schiarite

L’Italia resta ancora intrappolata in un’area depressionaria facente capo ad un ramo del Vortice polare, ma il nostro settore per le prossime 48 ore si ritroverà ai margini della circolazione d’aria instabile e godrà di tempo relativamente migliore.

Difatti, l’approfondimento di una nuova struttura ciclonica attorno all’Arcipelago Britannico determinerà sul Mediterraneo centrale una temporanea curvatura anticiclonica delle correnti in grado di stabilizzare, almeno per il weekend, le condizioni meteo.

Questa pausa, tuttavia, durerà poco, poiché già nel corso della mattinata di lunedì il tempo peggiorerà per l’avanzata di un nuovo vortice depressionario a cui sarà annessa un’altra perturbazione atlantica. Essa raggiungerà il nostro settore, come detto, ad inizio settimana.

Ecco nel dettaglio ciò che potremo attenderci nel fine settimana.

Sabato: cielo poco nuvoloso in mattinata, salvo addensamenti di nubi basse causati dal sollevamento della forte umidità notturna e/o dalle nebbie. Dal pomeriggio temporaneo aumento della nuvolosità, ma con basse probabilità di precipitazioni. Venti deboli a prevalente componente meridionale, con qualche rinforzo da est nelle ore del primo pomeriggio. Temperature in lieve ulteriore aumento.

Domenica: condizioni di bel tempo con prevalenza di sole. Aumento della nuvolosità solo dalla tarda serata. Venti intorno sud da deboli a moderati al mattino tendenti, tuttavia, a rinforzare dal pomeriggio. Temperature senza grosse variazioni di rilievo.

Linea di tendenza: peggiora ad inizio settimana con nubi sempre più intense e piogge di moderata intensità. Temperature in diminuzione.

Weekend umido, ma con prevalenza di schiarite Leggi l'articolo »

Porta atlantica aperta, nuova ondata di maltempo per giovedì

La porta atlantica, dalla quale giungono le perturbazioni e l’aria umida, si è ormai aperta e neppure i tentativi del potente Anticiclone atlantico sembrano in grado in questo momento di socchiuderla.

Un nuovo impulso perturbato è già difatti entrato nel Mediterraneo ed è in azione sul centro-nord Italia. Esso domani, coadiuvato dall’approfondimento di un vortice di bassa pressione al suolo, procederà verso sud-est determinando precipitazioni su molte regioni d’Italia. Qualche goccia potrebbe giungere anche dalle nostre parti.

Sarà, tuttavia, soprattutto giovedì la giornata di maggior interesse meteorologico per il nostro settore. Difatti, la forza e la posizione del minimo barico potrebbero essere tali da innescare un flusso vorticoso d’aria umida ed instabile da sud-est lungo buona parte delle coste adriatiche, favorendo piogge piuttosto intense ed anche persistenti.

Venerdì si attende un certo miglioramento delle condizioni meteo, ma potrebbero ancora non mancare residue precipitazioni con tempo ancora un po’ inaffidabile.

A sostenere questo peggioramento delle condizioni del tempo resterà un flusso di venti meridionali piuttosto teso, che contribuirà, tuttavia, anche a mantenere elevate le temperature, con massime anche prossime ai 17°C.

Nel weekend si attende una temporanea pausa dal maltempo, ma per i dettagli meglio attendere i prossimi aggiornamenti modellistici.

Porta atlantica aperta, nuova ondata di maltempo per giovedì Leggi l'articolo »

Torna in alto